La Tecnologia semplice da leggere.

Applicazioni per studiare l’inglese

Siete alle porte di un esame d’inglese e vi sentite ancora carenti nella lingua?

Magari volete organizzare un qualche viaggio all’estero e avete paura di avere dei problemi a farvi comprendere?

Nessun problema: oggi i sistemi di apprendimento, soprattutto per qualcosa di così importante come l’inglese, sono molti.

Alcuni tra i più pratici sono sicuramente le applicazioni, utilizzabili in qualsiasi momento dal nostro smartphone.

Di app sugli store ce ne sono parecchie, ma quali sono le più efficaci?

È proprio questo il motivo di questa guida: andiamo quindi a scoprirle insieme!

  1. Duolingo

A mio avviso è la migliore delle app disponibili sullo store ora come ora.

Dico questo per delle semplici ragioni.

È fatta molto bene: ci sono delle lezioni strutturate con un grado di difficoltà crescente.

Mediante un test iniziale l’app andrà a capire il nostro livello di inglese da cui poi partirà per potenziare le nostre conoscenze.

Una volta eseguito il test potremo andare a seguire le lezioni.

Le varie lezioni sono in ordine graduale di difficoltà e per accedere a quelle di livello avanzato bisogna prima aver superato quelle di base.

Si può scegliere quanto tempo andare a dedicare allo studio della lingua inglese su quattro diversi piani (5-10-15-20 minuti al giorno).

L’aspetto davvero positivo di Duolingo è che è completamente gratuita.

Ci sono delle proposte di acquisti in-app ma sono del tutto opzionali perché non sono fondamentali.

Applicazioni per studiare l'inglese

  1. Babbel

Babbel è un servizio che offre lezioni avanzate di inglese e vari esercizi per mettere alla prova le nostre capacità scritte e orali.

Babbel è utile soprattutto per quelle persone che hanno dei problemi con la pronuncia dei vocaboli.

Infatti, mediante il riconoscimento vocale, sono proposti vari esercizi atti a perfezionare le proprie lacune.

L’app è fatta molto bene e viene offerta anche una sincronizzazione per utilizzare Babbel sia su desktop che su mobile.

Va però sottolineato che per usufruire di questo servizio è necessario attivare un abbonamento.

Ci sono vari piani, a nostra scelta:

  • 1 mese: 9,95
  • 3 mesi: 19,95
  • 6 mesi: 33,30 €
  • 12 mesi: 59,40

Applicazioni per studiare l'inglese

  1. ABA

Se invece si è alla ricerca di un corso più che di una semplice app per colmare le proprie lacune allora ABA fa al caso vostro.

Questo servizio infatti è strutturato particolarmente bene.

Offre infatti video-lezioni e addirittura dei cortometraggi/film interamente in inglese.

Ma non solo: avremo infatti a disposizione anche un insegnante che ci seguirà durante il nostro percorso.

Il corso è strutturato su 6 livelli, al termine di ciascuno dei quali verrà rilasciato un certificato ABA English.

Possiamo inoltre beneficiare della completa sincronizzazione fra tutti i nostri dispositivi.

Come Babbel, anche in questo caso per sfruttare a pieno il servizio sono previsti dei pagamenti.

ABA infatti propone la propria versione Premium a partire da 12,45€ al mese.

applicazioni per studiare inglese

  1. Memrise

Questa è l’applicazione adatta a chi vuole imparare divertendosi.

L’apprendimento in questo caso viene infatti preso come un gioco diviso a vari livelli.

L’idea di fondo l’ho trovata davvero interessante e originale, anche perché l’applicazione è studiata molto bene e le funzionalità offerte sono davvero utili.

Nel complesso la ritengo un app convincente tuttavia non è completamente gratis.

Per beneficiare della versione PRO infatti è richiesta la classica cifra di 9 euro mensili.

Sono comunque proposte anche altre tipologie di piano in modo da poter andare a risparmiare diversi soldi ogni mese nel caso di un abbonamento a lungo termine.

Applicazioni per studiare l'inglese

  1. Dictionary.com

Come suggerisce il nome dell’applicazione, questo servizio più che un corso è un dizionario vero e proprio.

Avremo infatti la possibilità di andare a ottenere traduzione, sinonimi e contrari dei vocaboli che più ci interessano.

Ma non solo: mediante Dictionary.com potremo inoltre andare a migliorare la nostra pronuncia e a rimediare a eventuali errori ortografici.

Per utilizzare l’app non è necessario alcun abbonamento, tuttavia sono disponibili degli acquisti in-app per beneficiare di servizi aggiuntivi.

Inoltre va sottolineato che diverse delle funzioni sono disponibili anche se siete offline, il che è una gran comodità.

Applicazioni per studiare l'inglese

In conclusione, qual è l’applicazione che io reputo migliore?

Certamente Duolingo in quanto è ricca di contenuti e di funzioni utili e al contempo è del tutto gratuita.

È pertanto un app che vale la pena provare per chiunque fosse interessato a migliorare le proprie capacità in inglese.

Se si cerca invece semplicemente un dizionario “potenziato” molto valido è allora anche Dictionary.com.

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.