La Tecnologia semplice da leggere.

Problemi di connessione? Ecco come stabilizzarla

Chi non si è scontrato almeno una volta con la propria connessione internet? Purtroppo, come molti di noi sanno, nel nostro paese ci sono ancora zone con una copertura non ottimale mentre altre, soprattutto le grandi città, possono usufruire di fibra e provider di servizi sempre più efficienti. Per chi invece soffre ancora di connessioni instabili e non riesce nemmeno ad aprire uno streaming (video o di gioco) senza che tutto venga interrotto di continuo abbiamo pensato di riunire qualche consiglio utile per migliorare la propria connessione internet.

Prima di tutto andiamo a vedere alcuni termini indispensabili per capire come funziona la nostra connessione:

  • Ping: la velocità con cui i dati viaggiano dal nostro dispositivo al server. È un tempo espresso in millisecondi ed esistono diversi programmi per misurare. Naturalmente più il valore è basso meno ritardo avremo e più veloce sarà la nostra connessione.
  • Packet Loss: semplicemente la perdita di dati che può avvenire mentre viaggiano dal server al dispositivo e viceversa.

Questi valori sono misurabili attraverso dei test molto semplici che troviamo anche online in forma gratuita. Tra i due e i quattro ms di ping la nostra connessione è ancora buona, mentre poi dobbiamo valutare anche la velocità di upload e download di dati, e l’insieme di tutti i valori che determinano il servizio di connessione, chiamato anche jitter (il quale dovrebbe essere tra i 5 e i 10 per uno streaming e un gaming buono).

Come possiamo andare a modificare questi valori? In realtà molto spesso non dipende da noi, ma dal provider di servizi e dalla qualità della linea. Ci sono alcuni test però che possiamo effettuare e alcuni accorgimenti da tenere per migliorare la connessione. Per ridurre il ritardo di trasmissione dei dati possiamo, oltre ad effettuare i test, ridurre al minimo tutto ciò che va ad influenzare sulla connessione, come i programmi in background. Inoltre potremmo impostare DNS specifici, in modo da evitare fuoriuscite di dati, e impostare i parametri NAT dei firewall che a volte vanno ad interferire sul trasferimento di dati, e configurare le porte di accesso.

Naturalmente esistono anche software per stabilizzare la connessione ed evitare perdite di dati. Il primo strumento che vi proponiamo è la virtual private network, utile sia per stabilizzare la banda sia a livello di privacy. Che cos’è una VPN? Come si può intuire dal nome è un tunnel virtuale in cui andrete a connettervi impedendo la fuoriuscita di dati.

Altri software utili vanno a pulire il browser da estensioni che rallentano la connessione, alcuni programmi invece ci aiutano ad effettuare il defrag della RAM, ovvero pulire la memoria da tutti i programmi in esecuzione che non servono, spingendo al massimo la prestazione del computer, soprattutto nel caso in cui lo usiamo per giocare.

L’ultimo consiglio che vi diamo è di valutare bene che ISP scegliere: a volte semplicemente questo può fare la differenza tra una buona e una cattiva connessione.

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.