Scalebound è stato cancellato

Bruttissima batosta per la line up 2017 di Microsoft, che ora si ritrova senza il suo titolo di punta.

Scalebound sarebbe dovuto essere l’ammiraglio dei titoli Microsoft in uscita per quest’anno, nonché un potenziale capolavoro. Il meglio dei Giochi di Ruolo Fantasy unito al meglio dei giochi action/adventure, un connubio che avrebbe potuto generare il miglior gioco di questa generazione.

Invece, dopo i primi inquietanti rumors, è arrivata la conferma della cancellazione di Scalebound, direttamente da Microsoft. Di seguito il comunicato ufficiale di Microsoft.

“Dopo un’attenta riflessione, Microsoft Studios è arrivato alla decisione di terminare la produzione di Scalebound. Stiamo lavorando per proporre una fantastica line-up di giochi ai nostri fan quest’anno, inclusi Halo Wars 2, Crackdown 3, State of Decay 2, Sea of Thieves e altre grandi esperienze”.

Sebbene non si sappiano con esattezza i reali motivi di questa decisione, sembrerebbe essere stata presa di comune accordo con Platinum Games. Di motivi potrebbero essercene principalmente due: probabilmente si stava puntando troppo in alto oppure sarebbe stato troppo pesante per Xbox One.

Fosse la seconda delle due, sarebbe abbastanza ingenua come scelta, perché si sarebbe potuta spostare l’esclusività solo su Windows 10 e Xbox Scorpio. Qualunque sia il motivo, la principale ragione per cui molti possessori di Xbox One hanno scelto la console Microsoft ora non c’è più.

Scalebound Cancellato

Adesso è tutto nelle loro mani

Halo Wars 2, Crackdown 3, State of Decay 2 e Sea Of Thieves, questi sono i giochi a cui spetta il difficilissimo compito di colmare il vuoto lasciato da Scalebound. Ma se pensate che adesso la vostra Xbox si stia rivelando un’investimento fallimentare, sempre premettendo che voi non siate in possesso di un PC da gaming di fascia alta dotato di Windows 10.

I titoli sopracitati saranno dei gran bei giochi che vale la pena di giocare, giochi che saranno i baluardi di Xbox e PC, oltre ovviamente anche ad altri piccole grandi perle come CupHead e la versione definitiva, si spera pronta entro quest’anno, di giochi di grande interesse come We Happy Few.

Paradossalmente, nonostante la grandissima batosta di Scalebound, la line up di Xbox rimane la più folta insieme a quella di Nintendo Switch (anche se Switch sarà rimpinguata di tanti giochi di terze parti). Chi ancora rimarrà, forse, a guardare è Playstation 4, che eccezion fatta per gli ulteriori remix di Kingdom Hearts, la trilogia di Crash Bandicoot e Horizon Zero Dawn non ha nessun titolo annunciato in uscita per il 2017, almeno per il momento.

Alla fine della fiera, per fare una similitudine sportiva, Xbox resta una grandissima squadra, molto forte, che ha semplicemente perso il suo giocatore migliore. Chi sarà l’erede? Forse lo scopriremo all’E3, forse esiste già tra i titoli in programma, ma una cosa è certa, Microsoft non se ne starà con le mani in mano.

Aggiornamento

Hideki Kamya, il “padre” di Scalebound, ancora non ha rilasciato dichiarazioni. Il motivo sembra essere un periodo di totale riposo mentale, perché, sembra, ha accumulato davvero tanto stress e la sua salute mentale era in bilico. Ovviamente un augurio di pronta “guarigione”, per così dire, a Kamya e speriamo che la sua mente creativa possa, un giorno, portare a termine un altro gioco, quasi impossibile, però, che sarà Scalebound. Però chissà, la speranza è l’ultima a morire.

Alessio Fuscà

Author

Alessio Fuscà

Sono un gamer accanito, lo sono sempre stato sin dal 2003, quando ho mosso i miei primi passi tra Playstation e Gameboy. Sono fondamentalmente un critico, che però sa riconoscere la qualità aldilà del mio stesso giudizio personale, manifestandolo quando serve. Sono sia un console gamer che un PC gamer per scelta, perché ogni piattaforma ha qualcosa di buono e nessuna è meglio di altre.

Up Next

Related Posts

Discussion about this post