3 motivi per cui Pokémon Stars uscirà su Switch nel 2017

Pokémon, si sa, è una saga dalla quale ogni console Nintendo non può prescindere. Infatti, qualsiasi console Nintendo, dal 1996, ha almeno un gioco Pokémon ufficiale su cui contare. Generalmente, escludendo la famiglia di Gameboy, Ds e 3Ds, sono sempre stati degli spin off e mai dei titoli della serie principale. Per la prima volta, però, potremo assistere ad un’eccezione.

Pokémon Stars, questo il nome provvisorio, sarà, in caso di uscita, il terzo titolo di settima generazione. In pratica, sarà come una sorta di Pokémon Smeraldo, ossia un gioco più completo che ingloba ed ampia i contenuti dei giochi precedenti. Nel caso di Stars, i titoli sono Pokémon Sole e Pokémon Luna. Non è comunque da escludere una coppia di giochi, come fu per Pokémon Bianco 2 e Nero 2.

Oggi andremo a vedere 3 motivi per i quali, con ogni probabilità, vedremo Pokémon Stars su Switch. Ovviamente, si tratta di congetture, ma è molto probabile che ciò che analizzeremo sia la realtà dei fatti. Cominciamo.

Motivo numero 1: L’uscita del 2Ds Xl

Uno dei problemi che affligeva sia Pokémon Sole che Pokémon Luna era il framerate. A meno che non si giochi con un New 3Ds, i cali di fps di Sole e Luna sono davvero accentuati. I casi peggiori sono riscontrabili nelle lotte in doppio, dove ci sono ben 4 Pokémon e uno o due allenatori sullo sfondo. Essendo, i modelli di Pokémon e allenatori, davvero ben dettagliati, renderizzarli in tempo reale è una tortura per l’hardware del 3Ds. Persino il New 3Ds, console più potente della versione base, non è esente da cali di framerate, anche se meno gravi.

Tutti questi fattori rendono improbabile, almeno apparentemente, che Pokémon Stars esca per queste console. Altrettanto improbabile è l’uscita di una nuova console portatile, dato che è stato da poco annunciato il 2Ds Xl. Sarebbe follia investire su una console di attuale generazione per poi annunciarne un’altra poco più tardi. Certo, con Nintendo tutto può accadere, ma l’autolesionismo economico pare eccessivo.

Dato che Pokémon Stars, se mai uscirà, verrà rilasciato quest’anno (dopo vedremo perché), rimane un’unica console da sfruttare: Switch. Essendo poi una console sì fissa ma, comunque, anche portatile, non snaturerebbe più di tanto lo spirito del brand.

Motivo numero 2: Il nuovo film Pokémon

Può sembrare stupido, ma in realtà è un elemento non da poco. Marshadow, ultimo Pokémon misterioso di settima generazione, verrà distribuito al termine della proiezione del ventesimo film Pokémon. Come potete vedere nel trailer qui sotto, sia Marshadow che Pikachu Ash (ossia la versione coi cappelli di Ash) sono presenti nella pellicola. Da anni è tradizione dedicare un film ad uno o più dei Pokémon misteriosi della generazione in corso. Questi film, però, hanno una particolarità non indifferente.

Nello stesso anno in cui viene proiettato un film che contiene l’ultimo o, come in questo caso, gli ultimi Pokémon misteriosi, viene anche pubblicato un gioco della serie principale. Ebbene, Pikachu Ash e Marshadow erano gli ultimi Pokémon misteriosi da distribuire. Marshadow deve ancora avere la sua distribuzione, mentre Pikachu Ash è già disponibile, anche se solo in Giappone. Se The Pokémon Company, come probabile che sia, manterrà la tradizione, all’E3, o alla Nintendo Direct, ne vedremo delle belle.

Pokémon Stars

Questo, però, non implica che Pokémon Stars sia un gioco di ottava generazione. Manca infatti ancora qualche tassello. Necrozma, che si è scoperto essere a tutti gli effetti il terzo leggendario principale, non ha ancora avuto un approfondimento. Risulta dunque probabilissimo che il ventunesimo film Pokémon sarà incentrato su di lui e, probabilmente, anche su Solgaleo e Lunala.

Il punto è che, da sempre, i film Pokémon vengono realizzati principalemnte a scopo promozionale. Che senso avrebbe pubblicizzare con un film tre leggendari ormai conosciutissimi, in quanto principali, nel 2018, a distanza quindi di due anni dall’uscita di Pokémon Sole e Luna? Nessuno.

Però, un film per spingere mediaticamente un gioco da poco uscito sul mercato acquisirebbe molto più senso. Ulteriori indizi che portano a pensare che Pokémon Stars avrà come protagonista Necrozma, così come il lungometraggio che uscirà tra un anno.

Motivo numero 3: Nintendo Switch ne ha bisogno

Nintendo, ormai è cosa nota, non naviga in acque calmissime. Sin dal pensionamento di Wii, la grande N ha subìto una grossa crisi di vendite nel mercato delle console fisse. Zelda, Mario Kart e Mario Odyssey sono frecce importantissime nell’arco di Switch, ma potrebbero non bastare. Ecco che far uscire un titolo Pokémon, per giunta della serie principale, potrebbe risultare un colpo talmente altisonante da far comprare Switch praticamente a chiunque.

Nintendo Switch non può fallire, così come Nintendo. Un ennesimo “non successo” di una console fissa potrebbe decretare la definitiva uscita di scena della grande N dal mercato delle console fisse. Per cui, Nintendo deve spingere sull’accelleratore fino a che avrà benzina, e sembra essere proprio la filosofia che sta adottando con Switch.

A questo punto non ci resta che aspettare. L’E3 è sempre più vicino, staremo a vedere cosa ci riserverà. Colgo l’occasione per ricordare che la maggior parte delle conferenze verranno trasmesse in live sul nostro canale Twitch, quindi iscirvetevi alla nostra pagina Facebook per sapere quali saranno e a che orari.

 

Alessio Fuscà

Author

Alessio Fuscà

Sono un gamer accanito, lo sono sempre stato sin dal 2003, quando ho mosso i miei primi passi tra Playstation e Gameboy. Sono fondamentalmente un critico, che però sa riconoscere la qualità aldilà del mio stesso giudizio personale, manifestandolo quando serve. Sono sia un console gamer che un PC gamer per scelta, perché ogni piattaforma ha qualcosa di buono e nessuna è meglio di altre.

Up Next

Related Posts

Discussion about this post